Mafalda Minnozzi Mafalda Minnozzi
Menu

Discography

Il Tempo Dell' Amore

Il Tempo Dell' Amore - Mafalda Minnozzi
Release Date: 13/12/2013
Available now on:
Loading tracks...

MPI – 2003

Il Cd “Il tempo dell’amore” rappresenta un viaggio nel tempo attraverso la bella e romantica musica italiana.

Nato dal desiderio di far conoscere l’immortalitá e al tempo stesso l’estrema modernitá della canzone italiana nel mondo, il Cd raccoglie infatti quindici canzoni italiane composte tra la fine del secolo 1800 (Mattinata – 1883) e i nostri giorni (Passa e va – 2002), che testimoniano che la musica popolare ha sempre espresso i sentimenti e le passioni della societá italiana registrandone fedelmente l’evoluzione ed i cambiamenti avvenuti in questi ultimi cento anni della sua storia.

Cosí molte canzoni hanno avuto per tema l’amore per la propria terra e per la natura negli anni difficili dell’emigrazione (“‘O SOLE MIO”, “TORNA A SURRIENTO”, “MATTINATA”), l’amore lontano, con la sua nostalgia e i suoi ricordi negli anni della guerra (“PARLAMI D’AMORE MARIÚ”, “FIRENZE SOGNA”), l’amore degli incontri romantici, delle gelosie e delle passioni quando l’Italia é tornata a sorridere negli anni della ricostruzione (“LUNA ROSSA”, “MALAFEMMENA”), l’amore per la vita, espresso come speranza e ottimismo ma anche come denuncia dei problemi sociali, negli anni che hanno marcato la costituzione della societá moderna (“NEL BLU DIPINTO DI BLU”, “‘A CITTÁ ‘E PULECENELLA”).

Oggi é facile constatare che le canzoni raccontano l’amore riflettendo tutte le contraddizioni del nostro tempo: la poesia dei testi é a volte semplice e immediata (“VIVERE”), a volte introversa e difficile da comprendere (“CANTARE É D’AMORE”), a volte usa termini in altre lingue che ormai fanno parte del nostro quotidiano (“DO YOU LOVE ME?”)

Il nucleo centrale del repertorio di “Il tempo dell’amore” é stato composto rispondendo alle richieste del pubblico brasiliano che ama la musica italiana; successivamente sono state aggiunti alcuni brani “dimenticati” ma ritrovati da Mafalda nel corso delle ricerche svolte nell’ambito della sua collaborazione alla produzione della telenovela “Terra nostra” (Rede Globo-2000) e “Esperança” (Rede Globo-2002); il repertorio é stato infine completato da tre brani il cui testo é stato scritto dalla stessa Mafalda: “PASSA E VA”, inserita nella colonna sonora della telenovela “Esperança” (la musica é stata composta da John Neschling e Ilan Rechtman); “DO YOU LOVE ME?” (con musica di Paul Ricci, arrangiatore dell’intero Cd); “IL MIO SOGNO”, versione italiana del brano “SONHOS” composto dal celebre autore brasiliano Peninha, reso celebre in Italia negli anni ’80 dalla voce di Mina.

Il Cd si apre con la canzone “SPERANZA”, sigla di apertura della telenovela “Esperança”, riproposta dalla cantante italiana in stile pop-rock: è di Mafalda la versione ufficiale in lingua italiana della sigla in questione.

Tutti i brani del Cd “Il tempo dell’amore” sono stati realizzati con arrangiamenti moderni e originali, con l’intenzione di far conoscere ed apprezzare anche ai piú giovani alcuni motivi tradizionali inseriti nell’album.

Il Cd contiene due “perle”: il duetto “VIVERE” con la partecipazione straordinaria di Agnaldo Rayol, una delle voci piú amate del Brasile, e il duetto “IL MIO SOGNO”, in cui l’autore della composizione originale canta per la prima volta in italiano la versione scritta da Mafalda.

Il Cd “Il tempo dell’amore” vanta inoltre la partecipazione altrettanto “speciale” di grandi musicisti come João Cristal, Hector Costitta, Itamar Collaço, Pedro Ivo, Amon-ra e … che hanno impreziosito con le loro “performance” la registrazione di ogni brano, rendendone l’ascolto ancora piú emozionante!

I BRANI dell’ALBUM

SPERANZA (ESPERANÇA)

(N.Bernardes, M.Barbosa, L.Schiavon Versione in italiano: M.Minnozzi e L.Pausini)

Lui che qui arrivó, che ritornerá

e porterá un sogno, porterá realtá

Cuore di un’uomo immenso che non sa se troverá

quel coraggio, quell’avventura

Lui che qui arrivó e che resterá

Lui, lungo il cammino forza incontrerá

occhi che come i suoi chiedono felicitá

ricercando la vita

Vita, vite e speranza e sogno

Sogno, sogni e speranza e pace

Pace, pace e speranza …

Occhi che come i suoi chiedono felicitá

ricercando la vita

Vita, vite e speranza e sogno

Sogno, sogni e speranza e pace

Pace, pace e speranza

Vita, sogni e speranza e pace

pace …

Lui che qui arrivó, che resterá

PASSA E VA

(J.Neschling, I.Rechtmann, M.Minnozzi )

Passa e va, non credere all’amore quando primavera fiorirá

Sentirai un brivido nel cuore, quando t’innamorerai

Sognerai la notte e le sue stelle per perderti ancora di piú

Piangerai guardando quel sogno volare via,

con gli anni della gioventú.

Passa e va il fuoco dell’amore, caldo come il sole che verrá

Brucerá di forza e di passione ma non ti consumerá

Scoprirai negli occhi di un bambino la luce che brilla nei tuoi

Canterai e quella canzone ti guiderá tra i volti che non perderai.

E quando l’autunno degli anni verrá, l’amore un segreto sará

Le foglie e i pensieri cadere vedrai e il vento levarli potrá

Sará la sua voce un ricordo del cuore, l’amore ti proteggerá …

per la vita.

Passa e va, non credere all’amore quando primavera fiorirá

Sentirai un brivido nel cuore, quando t’innamorerai

Sognerai la notte e le sue stelle per perderti ancora di piú

Piangerai guardando quel sogno volare via,

con gli anni della gioventú

DO YOU LOVE ME?

(M.Minnozzi, P.Ricci)

Il mio nome non é ?baby?, perlomeno non lo é piú

É da tempo che ho capito che coraggio non ne hai piú

Ti fai grande con gli amici di una ?baby? che non hai

Tu non puoi parlar d’amore, sentimento che non sai

E tu, dimmi perché,

perché mi lasci qui, trattandomi cosí?

Io vorrei spiegarti amore quella forza che non hai

Tu cercala nel cuore per amarmi come sai

E tu, dimmi perché, mi lasci sola qui … perché ?

Do you love me, do you love me?

Sará grande questo amore, se risponderai di si

Do you love me, do you love me? (won’t you tell me now?)

Sará grande questo amore, se risponderai di si

É il coraggio di donarsi fino a quando non sai piú

se comincia o se finisce quella parte di te che non sei tu … (non sei tu)

Ma dove sei ? (resta con me, amore mio)

Perché mi lasci qui, perché ?

Do you love me, do you love me?

Sará grande questo amore, se risponderai di si (dimmi di si)

Do you love me, do you love me? (won’t you tell me now?)

Sará grande questo amore, se risponderai di si

Dimmi di si, dimmi di si …

CANTARE È D’AMORE

(A. Minghi)

Come una finzione non del sangue ma del rosso,

acqua e sale e non le lacrime assaggiai

Arsure come di battaglia, di comparse fuoco e paglia

ed i cuori son cavalli scossi in noi

Amarsi é come andare in fuga

é cosa ho fatto, cosa ho detto mai …

Non é la veritá che piú la dici e piú la dici mai

é l’illusione mia che é vera

e che scorre fiera tra le dita della vita

passa il suono e belle immagini di noi

Meravigliosa confusione tra i dialoghi e le pose

e ogni peso appassionato é un soffio

ma non la veritá che é sempre un’altra storia ma non lei,

lei che tra i baci miei é d’amore …

É improvvisazione, non é vento e non é sole,

pioggia atroce meglio é che non ci sia

Amarsi é come arrampicarsi su uno schermo di illusione

e poi credere quell’edera realtá

E le bugie ragazza mia, il naso lungo e il gusto dell’addio

Non é la veritá che piú la dici e piú la dici mai

É vita che non sai, sará che come me tu rivivrai

quando l’amore mio ti canteró … oh !!!

E quando tutti i giuramenti fatti a te saranno inganni

alla vita che stupita sbanderá

Amarsi é prima di capire, é rimbambire la ragione di noi

Non é la veritá che piú la dici e meno baci avrai

é l’illusione mia che é vera …

E chi ama canta tra le voci della vita

l’acqua che si incontra col suo scialacquio

Oppure é meglio non cantare, muti se non é d’amore

e qualcuno deve farlo

e sono io che ti canteró e come in fuga nel tuo cuore andró

non é la veritá che piú la dici e non la dici mai

perché cantare é …

VIVERE (Duetto con Arnaldo Rayol)

(C.Valli, A.Anastasio, G.Trovato)

Vivo ricopiando “Yesterday” e sono sempre in mezzo ai guai
Vivo e ti domando cosa sei, ma specchio tu non parli mai
Io che non potró mai creare niente, io amo l’amore ma non la gente,
io che non saró mai un dio

Vivere, nessuno mai ce l’ha insegnato
Vivere fotocopiandoci il passato
Vivere, anche se non l’ho chiesto io di vivere
É come una canzone che nessuno canterá

Ma se tu vedessi l’uomo davanti al tuo portone
che dorme avvolto in un cartone
Se tu ascoltassi il mondo una mattina senza il rumore della pioggia
Tu che puoi creare con la tua voce, tu pensi i pensieri della gente
… poi di dio c’é solo Dio

Vivere, nessuno mai ce l’ha insegnato
Vivere, non si puó vivere senza passato
Vivere é bello anche se non lo hai chiesto mai
Una canzone ci sará sempre qualcuno che la canterá

Qualcuno non mi basta
Perché perché perché perché
Vivere cercando ancora il grande amore
non vivi questa sera
Vivere come se mai dovessimo morire
Perché perché perché perché non vivi ora
Vivere per poi capire all’improvviso
Perché perché perché perché la vita non é vita
che in fondo questa vita tu non l’hai vissuta
Perché non l’hai vissuta
Vivere cercando ancora il grande amore
Vivere come se mai dovessimo morire
Vivere
Perché perché perché
per poi capire all’improvviso
la vita non é vita
che in fondo questa vita tu
non l’hai vissuta mai
Ti dico no, ti dico si
Ti dico che …
ho voglia di vivere

'A CITTÀ ‘E PULECENELLA

(C.Mattone)

T’accumpagno vico vico sulo a te ca si´ n’amico

e te porto p´e quartiere addó’o sole nun se vere

Ma se vere tutto’o riesto e s’arapono’e ffeneste

e capisce comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é bella, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é bella, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Mme dispiace sulamente ca ll’orgoglio ‘e chesta gente

se murtifica ogne ghiuorno pe´na maneca ‘e fetiente

che nun tenono cuscienza che nun tenono rispetto

Comme fanno a pigliá suonno quann’é ‘a sera dint”o lietto

Dint”o lietto, dint”o lietto, quann’é ‘a sera dint”o lietto

Dint”o lietto, dint”o lietto, quann’é ‘a sera dint”o lietto

Mo te porto a Margellina sempe ca nun tiene fretta

verso ‘e ccinche d”a matina quann”o traffico ‘o ppermette

Che é permesso tutte cosa no pecché tiene ‘o diritto

ma pecché s’é sempe fatto, é sultanto pé dispietto

Pe´ dispietto pe´ dispietto, é sultanto pe´ dispietto

Pe´ dispietto pe´ dispietto, é sultanto pe´ dispietto

Mme dispiace sulamente ca ll’orgoglio ‘e chesta gente

se murtifica ogne ghiuorno e nuje ce mettimmo scuorno

Ma nisciuno pó fá niente, ce ‘a zucammo ‘a caramella

Comm’é doce e comme é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é doce, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é doce, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é bella, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é bella, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

I´ che songo musicante e mme sento furtunato

canto e sono, sono e canto chesta bella serenata

E pecché so´ ‘nnammurato, pecché forse ce so´nato

ma vedite comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é bella, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é bella, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é doce, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

Comm’é bella, comm’é bella ‘a cittá ‘e pulecenella

IL MIO SOGNO (SONHOS) (Duetto con Peninha)

(Peninha)

l Mio Sogno (Sonhos)
Tutto cominció come un bel gioco
crescendo e correndo dentro il tempo;
poi all’improvviso io persa qui a ritrovarmi in te
Se la mia forza é legata a ogni tuo passo,
dietro al tuo cammino la mia storia riconosco,
e il grido di un amore grande dentro me …
é il sogno di una vita
Quando il mio mondo era il tuo mondo
e tutto il mondo ammetteva
un cambiamento molto strano:
piú purezza, piú affetto,
piú calma, piú allegria nel mio modo di amare
Quando la canzone diventó piú chiara
e piú sentita,
quando la poesia diventó follia nella mia vita,
mi hai parlato di una storia di passione
inaspettata verso un’altra persona
Ma non c’é rancore no,
voglio solo che tu sia felice;
ma la nostalgia che ho
mi diventa sempre piú compagna;
la speranza che mi dó é la forza che é in me …
qui dentro me
Io non mi dispero no, mi hai insegnato mille cose;
ho un sogno tra le mani,
domani sará un nuovo giorno:
certamente saró piú felice.

NEL BLU DIPINTO DI BLU (VOLARE)

(D. Modugno, F. Migliacci)

Penso che un sogno così non ritorni mai più

mi dipingevo le mani e la faccia di blu …

poi d’improvviso venivo dal vento rapita

e incominciavo a volare nel cielo infinito
Volare oh oh cantare oh oh oh oh

nel blu dipinto di blu, felice di stare lassù

E volavo, volavo felice più in alto del sole ed ancora più su

mentre il mondo pian piano spariva lontano laggiù

Una musica dolce suonava soltanto per me

Volare oh oh cantare oh oh oh oh

nel blu dipinto di blu, felice di stare lassù

Ma tutti i sogni nell’alba svaniscon perché

quando tramonta la luna li porta con se

Ma io continuo a sognare negli occhi tuoi belli

che sono blu come un cielo trapunto di stelle

Volare oh oh cantare oh oh oh oh

nel blu degli occhi tuoi blu, felice di stare quaggiú

E continuo a volare felice, piú in alto del sole ed ancora piú su

mentre il mondo pian piano svanisce lontano laggiù

La tua voce é una musica dolce che suona per me

LUNA ROSSA (partecipazione di Osvaldinho do Acordeon)

(V. De Crescenzo, A. Vian)

Vaco distrattamente abbandunato,
l’uocchie sotto’o cappiello annascunnute,
mane din”a sacca e bavero ajzato
Vaco fiscann’ a’e stelle ca só asciute

E’a luna rossa me parla’e te
Io le domando si aspette a mme
e me risponne: “si’o vvuó sapé,
ccá nun ce sta nisciuna!”
E io chiammo’o nomme pe´ te vedé
ma tut”a gente che parla’e te
risponne: “é tarde che vuó sapé?
ccá nun ce sta nisciuna!”

Luna rossa, chi me sarrá sincera?
Luna rossa, se n’é ghiuta l’ata sera senza me vedé!

E io dico ancora ca aspietta a mme
fore’o balcone stanotte’e ttre
e prega’e sante pe´ me vedé
… ma nun ce sta nisciuna! …

Mille e cchiú appuntamente aggio tenuto,
tante e cchiú sigarette aggio appicciato,
tanta tazze’e café mme só bevuto,

mille vucchelle amare aggio vasato …

E io dico ancora ca aspietta a mme
fore’o balcone stanotte’e ttre
e prega’e sante pe´ me vedé
… ma nun ce sta nisciuna! …
E io chiammo’o nomme pe´ te vedé
ma tut”a gente che parla’e te
risponne: “é tarde che vuó sapé?
ccá nun ce sta nisciuna!”

MILLE E CCHIÚ APPUNTAMENTE AGGIU TENUTO
TANTE E CCHIU SIGARETTE AGGIO APPICCIATO
TANTE TAZZE’E CAFÉ ME SO´BEVUTO
MILLE VUCCHELLE AMARE AGGIU VASATO

FIRENZE SOGNA (partecipazione di Amon-ra della Familia Lima)

(C. Cesarini)

Firenze stanotte sei bella in un manto di stelle
che in cielo risplendono tremule come fiammelle
Nell’ombra nascondi gli amanti,
le bocche tremanti si parlan d’amor
Intorno c’é tanta poesia,
per te vita mia sospira il mio cuor
Sull’Arno d’argento si specchia il firmamento
mentre un sospiro e un canto si perde lontan
Dorme Firenze sotto il raggio della luna
ma dietro ad un balcone veglia una madonna brunaSopra i lungarni senti un’armonia d’amore,
sospirano gli amanti stretti stretti, cuore a cuor

PARLAMI D’AMORE MARIÙ

 (E.Neri, C.A.Bixio)

Come sei bella, piú bella stasera Mariú
Splende un sorriso di stella negli occhi tuoi blu
Anche se avverso il destino domani sará,
oggi ti sono vicino … perché sospirar Si, perchéParlami d’amore, Mariú
Tutta la mia vita sei tu
Gli occhi tuoi belli brillano,
fiamme di sogno scintillano
Dimmi che illusione non é,
dimmi che sei tutta per me
Qui sul tuo cuor non soffro piú …
Parlami d’amore, Mariú
Qui sul tuo cuor non soffro piú …
Parlami d’amore, Mariú

TORNA A SURRIENTO / MALAFEMMENA (partecipazione di Osvaldinho do Acordeon)

(E. de Curtis, G.B. de Curtis)

Vide ‘o mare quant’é bello! Spira tantu sentimento,
comme tu a chi tiene mente, ca scetato ‘o faie sunná
Guarda, gua’ chistu ciardino; siente, sie’ sti sciure arece:
nu profumo accussí fino dinto ‘o core se ne va
E tu dice: “I’ parto, addio!”
T’alluntane da stu core … da la tierra de l’ammore
Tiene ‘o core ‘e nun turná?
Ma nun me lassá, nun darme stu turmiento
Torna a Surriento, famme campá!

(Antonio de Curtis)
Si avisse fatto a n’ato chello ch’e fatto amme,
st’ommo t’avesse acciso e vuó sapé pecché
Pecché’ncopp’a sta terra, femmene comme a te
nun ce hann’a sta pe’ n’ommo onesto comme a me!
Femmena, tu sí na malafemmena
chist’uocchie’e fatto chiagnere
lacreme e’nfamitá
Femmena, sí tu peggio’e na vipera
m’e’ntussecata l’anema
nun pozzo cchiú campá
Femmena, sí ddoce comme’o zucchero
peró sta faccia d’angelo te serve pe’nganná
Femmena, tu sí’a cchiú bella femmena
te voglio bene e t’odio, nun te pozzo scordá
te voglio bene e t’odio, nun te pozzo scordá

‘O SOLE MIO

(G.Capurro)

Che bella cosa na jurnata ‘e sole,
n’aria serena doppo na tempesta
Pe’ ll’aria fresca pare giá na festa …
Che bella cosa na jurnata ‘e sole
Ma n’atu sole cchiú bello, oi né
’o sole mio sta ‘nfronte a te!
’O sole, ‘o sole mio
sta ‘nfronte a te, sta ‘nfronte a te
Quanno fa notte e ‘o sole se ne scenne
me vene quase ‘na malincunia
Sotto ‘a fenesta toia restarria
quanno fa notte e ‘o sole se ne scenne
Ma n’atu sole cchiú bello oi né
’o sole mio sta ‘nfronte a te!
’O sole, ‘o sole mio
sta ‘nfronte a te, sta ‘nfronte a te

MATTINATA (partecipazione di Bocato)

(Ruggiero Leoncavallo)

L’aurora di bianco vestita già l’uscio dischiude al gran sol
Di giá con le rose sue dita carezza de’ fiori lo stuol
Commosso da un fremito arcano, intorno il creato giá par
e tu non ti desti ed invano mi sto qui dolente a cantar
Metti anche tu la veste bianca
e schiudi l’uscio al tuo candor!
Ove non sei, la luce manca
Ove tu sei, nasce l’amor!
Ove non sei, la luce manca
Ove tu sei, nasce l’amor!
Nasce l’amor!