Mafalda Minnozzi Mafalda Minnozzi
Menu

Discography

Controvento

CD Contovento - Mafalda Minnozzi
Release Date: 13/12/2013
Available now on:
Loading tracks...

MPI – 2008

Por Regina Echeverria

Não basta cantar. É preciso interpretar, sentir, deixar-se tomar pelo significado dos sons e das palavras. Para que os sentidos de quem ouve uma canção sejam completamente seduzidos, quem canta deve ir muito além. Uma voz atlética deve exibir toda a sua nuance, ir do pianinho ao mais retumbante dó de peito com segurança e atitude. É o caso da italiana mais brasileira que se conhece hoje, Mafalda Minnozzi.

Ela canta com o corpo, canta com o coração. E é por isso que se torna um enorme prazer percorrer as doze faixas (e mais uma de bônus, apenas para os ouvintes brasileiros), do CD Controvento. Trata-se de uma produção independente e o quinto disco de carreira da garota nascida em Pávia, que desembarcou no Brasil pela primeira vez em 1996.

O título do CD deve-se ao som acústico e elétrico em lugar do digital, quando se utilizaram microfones valvulados, os mesmos usados na década de 60, com a intenção de captar até os sussurros e a respiração da cantora e, ainda, para que a emissão de sua voz soasse limpa, seca, sem qualquer efeito especial. Pesou ainda na escolha do título do CD, o fato de Mafalda Minnozzi ter escolhido compositores considerados “cult” na Itália, embora desconhecidos no Brasil, autores com sensibilidade suficiente para que a intérprete demonstrasse seus sentimentos musicais, através de letras e músicas coerentes com sua maneira de viver e ver o mundo. Entre eles,  Ivano Fossati, Sérgio Cammariere e Pino Daniele, que pertencem ao que se convencionou hoje chamar de Nova Música Popular Italiana (MPI). A escolha do repertório recaiu sobre canções inéditas e originais, com exceção de apenas uma – Prima Dammi Un Bacio, de Lucio Dalla, gravada anteriormente por Martinho da Vila, em dueto com a própria Mafalda, no “CD Brasilatinidade“.

Conta, ainda, neste CD, o fato de sua protagonista ter escolhido entre os músicos que a acompanham, aqueles declaradamente apaixonados por música. De Nova York, convidou o saxofonista Aaron Heick, o mesmo que acompanhou o africano Richard Bona em sua turnê mundial e, atualmente, acompanha a cantora Barbra Streisand em shows pelos Estados Unidos e presente na faixa Prima Dammi Un Bacio.

Por sua paixão pelo pianista uruguaio Hugo Fattoruso, Mafalda gravou três faixas de Controvento no Uruguai (“L’Arcobaleno”, “Dimmi Che Non Vuoi Morire” e “Una Notte in Italia”).

Também de Nova York veio à contribuição do guitarrista Paul Ricci, que toca em praticamente todas as faixas do CD. É ele, também, quem assina a autoria da maioria dos arranjos de Controvento, ao lado da própria Mafalda Minnozzi.

Já entre os brasileiros, a escolha de Mafalda recaiu sobre três grandes e conhecidos músicos do país: o mestre Paulo Moura (que contribui com sua clarineta na faixa Tutto Quello Che Un Uomo), o violonista Guinga (L’Arcobaleno e no arranjo da faixa-bônus O Arco-Íris), além do violão precioso de Marcos Teixeira (Quando). Moogie Canazio (vencedor do Grammy Latino de 2005) foi o engenheiro de som que gravou e editou a voz.

O disco foi finalizado em NY. A mixagem final leva a assinatura dos americanos Craig Bishop e Rick DePofi, do Estúdio NY Noise, e a masterização ficou nas mãos de Fab do Estúdio pureMix NYC. Enfim, depois de tanto carinho e cuidado na produção, o resultado não podia ser mais original: Mafalda Minnozzi está solta como nunca, cantando muito e nos presenteando com esta pequena jóia musical. A personalidade musical de Mafalda Minnozzi se firma definitivamente no CD Controvento, a ser lançado lá e cá.

Aproveitem!

Repertório do CD

BELLE SPERANZE

(Piero Fabrizi)

Stancamente sto qui ad aspettare
Un’altra estate di belle speranze
E di belle di bianco vestite davanti ai caffé
Niente storie importanti
Poca voglia di andare lontano
Aspettando una piccola mano che passi da qui
Ma l’amore l’amore l’amore l’amore dov’ é
Ma l’amore l’amore l’amore l’amore non c’é
In questa vita che passa
Come un’onda leggera sulle braccia
Aspettando la prossima luna
Conto i passi di questo mio cuore
E reggo sguardi di poche parole
E di poca poesia
E raccolgo pensieri pesanti
E non parlo per farli volare
Guardo gli occhi degli altri guardare
Con curiositá
Ma l’amore …
E accarezza leggera le mie braccia
Santa fortuna che vegli sugli uomini
senza virtú
Bella signora che sfiori ed illudi e non
torni mai piú
Apri le braccia stanotte non farmi
aspettare non piú
E fa che sia bellezza e amore
amore fai che sia
E lasciati toccare prima di andare via
Stancamente rimango a guardare
Un’altra estate di belle speranze …

I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

(Maurizio Fabrizio, Guido Morra)

Penso che ogni giorno
Sia come una pesca miracolosa
E che é bello pescare sospesi
Su di una soffice nuvola rosa
Io come un gentiluomo
E tu come una sposa
Mentre fuori dalla finestra
Si alza in volo soltanto la polvere
C’é aria di tempestaSará che noi due
Siamo di un altro lontanissimo pianeta
Ma il mondo da qui
Sembra soltanto una botola segreta
Tutti vogliono tutto
Per poi accorgersi che é niente
Noi non faremo come l’ altra gente
Questi sono e resteranno per sempreI migliori anni della nostra vita
I migliori anni della nostra vita
Stringimi forte
Che nessuna notte é infinita
I migliori anni della nostra vitaPenso che é stupendo restare al buio
Abbracciati e muti
Come pugili dopo un incontro
Come gli ultimi sopravvissuti
Forse un giorno scopriremo
Che non ci siamo mai perduti
E che tutta quella tristezza
In realtá non é mai esistita …

UN SENSO

Grandi, Vasco Rossi)

Voglio trovare un senso a questa sera
Anche se questa sera un senso non ce l’ha
Voglio trovare un senso a questa vita
Anche se questa vita un senso non ce l’ha
Voglio trovare un senso a questa storia
Anche se questa storia un senso non ce l’ha
Voglio trovare un senso a questa voglia
Anche se questa voglia un senso non ce l’ha
Sai che cosa penso che se non ha un senso
Domani arriverá domani arriverá lo stesso
Senti che bel vento non basta mai il tempo
Domani un altro giorno arriverá
Voglio trovare un senso a questa situazione
Anche se questa situazione un senso non ce l’ha
Voglio trovare un senso a questa condizione
Anche se questa condizione un senso non ce l’ha
Sai che cosa penso…
Domani é un altro giorno ormai é qua
Voglio trovare un senso un senso a tante cose
Anche se tante cose un senso non ce l’ha

PRIMA DAMMI UN BACIO

(Lucio Dalla)

Pomeriggi sotto il sole in bocca tu tenevi un fiore come me
Tra un’ora viene buio vado a casa che dolore resta qui con me
Tu eri il ladro io la fata e la vita una grande nevicata
Ma io ho pianto occhi per terra mi han sgridato tu mi sposi
Te lo giuro l’hai giurato un altro lampo c’era la guerra
Dio quante volte ti ho cercato Dio quante volte ti ho perduto
Mi son persa anch’ io quanta vita che è passata
La notte ti sognavo mi svegliavo non eri tu non eri tu
La vita è solo un sogno una partenza o un ritorno non lo so
Tanti anni in un secondo un lampo e tutto torna con lo sconto non lo so
Treni aerei in giro per il mondo
Quante volte si è perduto il mio cuore vagabondo
Sono stata due tre volte in cielo
ho fatto tutto il cielo a piedi
Lo so che adesso non mi credi però …
Dio …

QUANDO

(Pino Daniele)

Tu dimmi quando quando
Dove sono i tuoi occhi e la tua bocca
Forse in Africa che importa

Tu dimmi quando quando
Dove sono le tue mani ed il tuo naso
Verso un giorno disperato
Ed io ho sete ho sete ancora…

Tu dimmi quando quando
Non guardarmi adesso amore sono stanca
Perché penso al futuro

Tu dimmi quando quando
Siamo angeli che cercano un sorriso
Non nascondere il tuo viso
Perché io ho sete ho sete ancora…

E vivró si vivró
Tutto il giorno per vederti andar via
Fra i ricordi e questa strana pazzia
E il paradiso che forse esiste
Chi vuole un figlio non insiste

Tu dimmi quando quando
Ho bisogno di te almeno un’ora
Per dirti che ti amo ancora

Tu dimmi quando quando
Lo sai che non ti avró e sul tuo viso
Sta per nascere un sorriso
Ed io ho sete ho sete ancora…
E vivró …
Lo so che adesso non mi credi però …
Dio …

TUTTO QUELLO CHE UN UOMO (Duetto con Paulo Moura)

Sergio Cammariere, Roberto Kunstler)

Se non fosse per te cosa avrebbe un senso
Sotto a questo cielo immenso
Niente piú sarebbe vero
Se non fosse per te
Come immaginare una canzone da cantare
A chi non vuol sentirsi solo

Se non fosse per te crollerebbe il mio cielo
Se non fosse per te sarei niente lo sai
Perché senza te io non vivo
E mi manca il respiro se tu te ne vai

Quando sono con te chiudo gli occhi e giá volo
DT’improvviso la malinconia se ne va
Dai pensieri miei cade un velo
E ritrovo con te lT’unica veritá

Solamente tu sai anche senza parole
Dirmi quello che voglio sentire da te
Io non ti lascio no fino a quando vivró
Tutto quello che un uomo puó fare
Stavolta per te lo faró

Una pioggia di stelle ora brilla nellT’aria
Ed il mondo mi appare per quello che é
Un oceano da attraversare
Per un cuore di donna o la spada di un re

Perché senza te …
CT’é un tempo per lT’amore che spiegarti non so
Tutto quello che un uomo puó fare
Stavolta per te lo faró

Tu sarai la regina dei miei desideri
LT’orizzonte costante di questa realtá
Tu che sei per me come vedi
Tutto quello che un uomo sognare potrá …

UNA NOTTE IN ITALIA (Duetto con Hugo Fattoruso)

(Ivano Fossati)

É una notte in Italia che vedi
Questo taglio di luna
Freddo come una lama qualunque
E grande come la nostra fortuna

É la fortuna di vivere adesso
Questo tempo sbandato
Questa notte che corre
E il futuro che arriva
Chissá se ha fiato

É una notte in Italia che vedi
Questo darsi da fare
Questa musica leggera
Cosí leggera che ci fa sognare

Questo vento che sa di lontano
E che ci prende la testa
Il vino bevuto e pagato da soli
Alla nostra festa

É una notte in Italia anche questa
In un parcheggio in cima al mondo
Io che cerco di copiare l’amore
Ma mi confondo

E mi confondono piú i suoi seni
Puntati dritti sul mio cuore
O saranno le mie man
Che sanno cosí poco dell’amore

Ma tutto questo é giá piú di tanto
Piú delle terre sognate
Piú dei biglietti senza ritorno
Dati sempre alle persone sbagliate

Piú delle idee che vanno a morire
Senza farti un saluto
Di una canzone popolare
Che in una notte come questa
Ti lascia muto

É una notte in Italia se la vedi
Da cosí lontano
Fra quella gente cosí diversa
In quelle notti
Che non girano mai piano

Io ho qui un pallone da toccare col piede
Nel vento che tocca il mare
É tutta musica leggera
Ma come vedi la dobbiamo cantare
É tutta musica leggera
Ma la dobbiamo imparare

É una notte in Italia che vedi
Questo taglio di luna
Freddo come una lama qualunque
E grande come la nostra fortuna

Che é poi la fortuna di chi vive adesso
Questo tempo sbandato
Questa notte che corre
E il futuro che viene a darci fiato

ARCO-ÍRIS

(Mafalda Minnozzi)

Eu parti assim tão de repente
Que não tive tempo de me despedir
Um instante breve
É ainda mais breve se existe uma luz que
transpassa teu coração

O arco-íris é a minha mensagem de amor
Talvez um dia eu consiga te tocar de leve
Onde as cores possam cancelar
a mais degradante e triste miséria

Verei o pôr-do-sol ao entardecer
E falo com as palavras das folhas em abril
Vibrando nas vozes sinceras e vivendo no canto suave dos pássaros

O próprio silêncio revela o significado
Das minhas palavras mais puras e profundas
Ah! Eu não entendi muitas coisas
Que agora ficaram claras como as estrelas
cadentes

E preciso te dizer que é um prazer imenso levar
comigo essas bagagens todas
Sinto muito a sua falta meu querido amigo
Pode acreditar
Muitas coisas queria te contar

Procure sempre a musica a mais verdadeira,
Mas se puder entenda

L’ARCOBALENO (Duetto con Hugo Fattoruso e Guinga)

Gianni Bella, Mogol)

Io son partito poi cosí d’improvviso
Che non ho avuto il tempo di salutare
L’istante breve ancora piú breve
Se c’é una luce che trafigge il tuo cuore

L’arcobaleno é il mio messaggio d’amore
Puó darsi un giorno ti riesca a toccare
Con i colori si puó cancellare
Il piú avvilente e desolante squallore

Son diventato sai tramonto di sera
E parlo come le foglie di aprile
E vibro dentro ad ogni voce sincera
E con gli uccelli vivo il canto sottile
Ma il mio discorso piú bello e piú denso
Esprime con il silenzio il suo senso

Io quante cose non avevo capito
Che sono chiare come stelle cadenti
E devo dirti che é un piacere infinito
Portare queste mie valigie pesanti

Mi manchi tanto amico caro davvero
E tante cose son rimaste da dire
Ascolta sempre solo musica vera
E cerca sempre se puoi di capire

E DIMMI CHE NON VUOI MORIRE

(Gaetano Curreri, Roberto Ferri, Vasco Rossi)

Guarda io sono la sola ormai
Credi non c’é piú nessuna che
Quando chiedi troppo e lo sai
Quando vuoi quello che non sei te
Ricordati di me forse non mi credi

Sguardi guarda sono qui per me
Non ti ricordi eri como loro te
Tutti quanti sono degli eroi
Quando vogliono qualcosa beh!
Lo chiedono lo sai a chi puó sentirli

La cambio io la vita che
Non ce la fa a cambiare me
Bevi qualcosa cosa volevi
Vuoi far l’amore con me

La cambio io la vita che
Che mi ha deluso piú di te
Portami al mare fammi sognare
… E dimmi che non vuoi morire

Dimmi sono solo guai per te
Dimmi ti sei ricordato che
Hai una donna che se non ci sei
Come fa a restare senza te
Piangi insieme a me dimmi cosa cerchi
La cambio … Se non ti siedi …

ALMENO TU NELL’UNIVERSO

Sai la gente é strana prima si odia e poi si ama
Cambia idea improvvisamente prima la veritá poi
Mentirá lui senza serietá come fosse niente

Sai la gente é matta forse troppo insoddisfatta
Segue il mondo ciecamente
Quando la moda cambia lei pure cambia
Continuamente scioccamente

Tu tu che sei diverso almeno tu nell’universo
Un punto sei che non ruota mai intorno a me
Un sole che splende per me soltanto
Come un diamante in mezzo al cuore

Tu tu che sei diverso almeno tu nell’universo
Non cambierai dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero di piú di piú di piú

Sai la gente é sola come puó lei si consola
Per non far sí che la mia mente
si perda in congetture ed in paure
Inutilmente e poi per niente … Tu …

COSÍ É LA VITA

(Mariella Nava)

Cosí é la vita che ci sospende
Con i suoi segni inconfondibili
Il suo cuore palpitante
E il nostro sangue che si rapprende
Cosí é la vita che ci riguarda
Con i suoi giorni imprevedibili
Un dolore che non ritarda
Una spia luminosa si accende
Cosí é la vita generosa
Come un altare
Agli occhi di una sposa
Con in suoi bivi binari di scambio
E noi suoi pezzi di ricambio
Cosí é la vita che ci riprende
Dalle speranze che disattende
Tentazioni Ave Marie
E un cielo che si stende

Cosí é la vita amore mio
E tu che mi cammini accanto
Raccogli la
Trasforma in un sorriso
Questo pianto
Cosí é la vita amore mio
Tu fammi grande questo tempo
Sollevami tu dammi forza
Tu dammi cemento
Cosí é la vita e ci sbatto la testa
E noi a ballarla come una festa
Noi vestiti per l’occasione
…una canzone

Cosí é la vita che ci difende combinazioni incomprensibili
Il suo battito incalsante e questo sole che sale e scende
Cosí é la vita che ci frammenta dentro i ricordi ben visibili
Paure che ci spaventa e una notte brava che ci spende
Cosí é la vita che ci riscatta e milioni di lotterie
Profezie destini nelle carte e noi e noi a mettere da parte

Cosí é la vita amore mio tu che alla sera torni stanco
Sorreggiti con me qui sotto questo telo bianco
Cosí é la vita amore mio lei che procede a fuoco lento
Abbracciami prendiamo tutto quanto in un momento
Cosí é la vita in te la riconosco
Con i suoi rovi e i suoi frutti di bosco
E noi a cantare una nuova stagione …una canzone

LA DONNA CANNONE

(Francesco de Gregori)

Butteró questo mio enorme cuore tra le stelle un giorno
Giuro che lo faró
E oltre l’azzurro della tenda nell’azzurro io voleró

Quando la donna cannone d’oro e d’argento diventerá
Senza passare per la stazione l’ultimo treno prenderá

In faccia ai maligni e ai superbi il mio nome scintillerá
Dalle porte della notte il giorno si bloccherá
Un applauso del pubblico pagante lo sottolineerá
E dalla bocca del cannone una canzone suonerá

E con le mani amore per le mani ti prenderó
E senza dire parole nel mio cuore ti porteró
E non avró paura se non saró bella come dici tu
Ma voleremo in cielo in carne e ossa non torneremo piú
E senza fame e senza sete e senza ali e senza rete
Voleremo via.

Cosí la donna cannone quell’ enorme mistero voló
Tutta sola verso un cielo nero nero s’incamminó
Tutti chiusero gli occhi nell’attimo esatto in cui sparí
Altri giurarono e spergiurarono che non erano mai stati lí
E con le mani amore … Come vuoi tu
Ma voleremo in cielo in carne e ossa non torneremo piú